L’occhio di Piz - Luis Hasa: la Juve ha in casa un campione

25.07.2023 21:00 di Redazione NS   vedi letture
L’occhio di Piz - Luis Hasa: la Juve ha in casa un campione

Da oggi parte la nostra collaborazione con Alessandro Pizzoli, direttore sportivo e capo-osservatore negli anni di Spal, Palermo, Pavia a livello di Prima Squadra e Sampdoria (Resp. Settore Giovanile), Atalanta e Inter (scout) tra le altre. Vanta anche un'esperienza come scout al Chelsea per il settore giovanile. Insomma, chi meglio di lui per aiutarci ad analizzare e scoprire i futuri campioni. Con lui doppio appuntamento settimanale per scoprire da vicino - attraverso una relazione dettagliata come quella che compilano gli scout - i talenti da tenere occhio.
 

Oggi voglio iniziare questa rassegna parlando di un giocatore che ho iniziato a seguire nell'U15 della Juventus quando ho iniziato a lavorare per il Chelsea e che non ho mai smesso di seguire perchè ritengo sia un profilo di sicuro avvenire: Luis Hasa. Il ragazzo di origini albanesi che ha fatto tutta la trafila nel settore giovanile della Juventus con il compimento del diciottesimo anno di età ha ottenuto il passaporto italiano ed il lungo corteggiamento del responsabile delle selezioni nazionali Maurizio Viscidi, che lo aveva già convocato nei trial della nazionale UI5 quattro anni prima si è concretizzato. Luis Hasa è un giocatore eclettici che abbina un ottima qualità ad una notevole quantità. Brevilineo con buona struttura e forza Luis è dotato di una buonissima velocità sulle lunghe distanze ed è rapido negli spazi brevi. Lui è esplosivo ed ha nei cambi si direzione uno dei suoi punti di forza. sicuramente pagherà qualcosa nel gioco aereo nel calcio dei grandi, ma questo è un particolare che nel complesso potrà non influire nelle considerazioni che verranno fatte dal punto di vista fisico ed atletico. Destro, ma usa molto bene anche il piede debole, Luis ha una buona tecnica individuale, il primo controllo è impeccabile e la velocità d'esecuzione con la palla al piede è notevole oltre alla conclusione a rete forte e precisa. Ha una buona visione di gioco, attacca bene gli spazi e gioca bene in funzione del compagno. Tatticamente può essere impiegato in più ruoli sia a centrocampo che in posizione offensiva dove può giocare indistintamente esterno a destra e a sinistra o dietro ad una prima punta. Caratterialmente è un ragazzo applicato e disponibile oltre che essere un punto di riferimento per i compagni di squadra. Sicuramente dovrà fare un primo step nella Next Gen alla Juventus, ma non penso che sia Allegri che Giuntoli tarderanno a notarlo e ad inserirlo gradualmente in prima squadra. Il tempo è tutto dalla sua parte...

© 2024 Nicolò Schira

Altre notizie - Saranno Famosi
Altre notizie