Ferrero a Belve: "Sarò per sempre presidente. E sulla Samp dico che..."

23.11.2022 23:23 di Redazione NS   vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Ferrero a Belve: "Sarò per sempre presidente. E sulla Samp dico che..."

Un fiume in piena. Massimo Ferrero è incontenibile durante l'intervista a "Belve", programma di Francesca Fagnani in onda su Rai2. Un ospite, l'ex presidente della Samp, che è stato tutt'altro che "tranquillo" per la conduttrice, che aveva raccontato del suo tentativo di fuga con la liberatoria in tasca dopo una lite sulle simpatie politiche del Viperetta e dopo che non erano stati approvati alcuni tagli alla trasmissione .

Ferrero ha poi accettato la messa in onda e ha parlato anche della Sampdoria: "La Sampdoria non me l'hanno regalata, ho fatto un leverage-buyout. Aveva tanti giocatori, era da rimettere apposto. Non era piena di debiti. Ho sempre avuto tanta ambizione, ma era un'ambizione sana. Cuore blucerchiato e testa giallorossa? Quando l'ho detto ho fatto la più grande cazzata della mia vita. I tifosi mi odiano. A Marassi mi insultano, perchè ho detto che l'inno non era bello. Poi mi hanno preso di mira, mi iniziano a insultare, ma non me ne frega un caz*o. Mi frega zero dei tifosi, si sentono tutti padroni delle società. Venissero a lavorare".

L'ex patron blucerchiato, libero dal 22 maggio, ha parlato anche dell'arresto e del carcere: "Mi hanno devastato, non me l'aspettavo. L'impatto in carcere è stato indescrivibile. Non lo auguro a nessuno, mi usciva un sacco dal naso. Pensavo di essere su "Scherzi a parte", ora spero di ottenere giustizia. Il popolo mi ama, sarò il presidenter a vita della Samp. Mi cantavano le canzoni, "C'è solo un presidente". I detenuti scrivevano l'hashtag Ferrero libero. Cosa facevo? La sera scrivevo, sto scrivendo un libro. In colpa per aver fatto andare ai domiciliari mia figlia e mio nipote? In colpa de che? Non ho fatto niente". 

© 2022 Nicolò Schira