Tre su tre ed ennesimo record: l'Italia di Mancini vola negli Europei

20.06.2021 20:10 di Marco Corradi   vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Tre su tre ed ennesimo record: l'Italia di Mancini vola negli Europei

Vincere il proprio girone con stile, si può. Dopo la mancata qualificazione ai Mondiali di Russia 2018, l'Italia è ripartita nel migliore dei modi con Roberto Mancini: linfa giovane, calcio offensivo, grande difesa e grande attacco. Le vittorie contro Svizzera e Turchia hanno dimostrato tutta la forza degli azzurri, quella contro il Galles è stata invece il trionfo del gruppo: il Mancio ha cambiato 8/11, facendo esordire vari giocatori e inserendo anche Raspadori, Sirigu e Castrovilli dalla panchina, ma non è cambiato lo spartito. L'Italia arriva così a 25 giocatori impiegati su 26 convocati (manca solo Meret), dando un premio a Sirigu in quella che potrebbe essere una delle sue ultime gare con la Nazionale, e vince 1-0: gol di Pessina in un match senza storia.

Gli azzurri vincono così autorevolmente il girone: tre vittorie su tre, 9pti su 9 e punteggio pieno. Non succedeva da Euro2000, anche allora nel girone con la Turchia (oltre a Belgio e Svezia), irriconoscibile in questi Europei (un gol fatto e otto subiti, 0pti) dopo delle ottime qualificazioni: allora gli azzurri eliminarono la Romania ai quarti, l'Olanda in semifinale e persero la finalissima contro la Francia al golden gol. Vedremo cosa succederà stavolta, e intanto l'Italia macina record su record: primo Europeo chiuso a punteggio pieno e senza gol subiti nella nostra storia, con Mancini che eguaglia il primato di Vittorio Pozzo con 30 gare consecutive senza sconfitte, un record che reggeva dal 1939. Inoltre, per gli azzurri 11 vittorie consecutive senza subire gol (quasi 300 giorni). Un'Italia da record, con Mancini che ha fatto un lavoro straordinario: sabato i nostri ragazzi sfideranno Austria o Ucraina negli ottavi, a Wembley, e poi... si vedrà. Questa Nazionale, che ha riconquistato gli italiani, può fare grandi cose. 

© 2021 Nicolò Schira